lunedì 14 ottobre 2013

VIVA LA PRIMA SERATA





Negli anni '80 il film o lo show della prima serata andava in onda alle 20.00. Me lo ricordo perchè mia nonna mi mandava a letto prima che iniziasse, subito dopo "Happy Days" (bei tempi).

Oggi la programmazione televisiva in prima serata si è spostata di molto, più di un'ora. Vi siete mai chiesti il perchè? La risposta è naturalmente legata a ciò che garantisce la sopravvivenza delle televisioni commerciali e non: la pubblicità.

Le televisioni (tutte) sono dipendenti dalla vendita di spazi pubblicitari all'interno dei loro palinsesti. Senza pubblicità non avrebbero un reale motivo per continuare a trasmettere.
Gli inserzionisti sono interessati ad intercettare quanto più pubblico possibile e cercano di accaparrarsi le fasce orarie più seguite per trasmettere i loro messaggi pubblicitari.

Più tempo la gente guarda la televisione, più spazi pubblicitari si riescono a vendere, più le televisioni incrementano i loro fatturati. L'unità di misura utilizzata per la vendita di uno spazio pubblicitario in TV è il tempo e le televisioni hanno quindi sempre più bisogno di "tempo da vendere" per aumentare gli incassi. Devono dunque trattenere il pubblico davanti allo schermo quanto più possibile.

Lo stesso pubblico televisivo è soggetto ad un fenomeno che interessa tutti i Media in generale, ma che nel caso della TV conosce il massimo della sua portata: l'Agenda Setting. Cosa è? proverò a spiegarlo attraverso questo video tratto da "Christmas in Love" (2005)


http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=hArtsfYJykk&list=FLl0-kYorO2qGU-ai-K-HvEQ

Nel video "Concetta La Rosa" (Anna Maria Barbera) si precipita a casa con la sua Fiat 500 in una folle corsa per non perdere l'ennesima puntata di Beautiful.
La teoria dell'Agenda Setting (riassumendo) parla proprio di questo: i media (la TV nel nostro caso) possono riuscire ad organizzare le nostre vite attraverso una programmazione accattivante, verso la quale tutti noi svilupperemmo una sorta di "dipendenza".

Se ad esempio siamo appassionati ad una serie Tv di cui abbiamo guardato la prima puntata, probabilmente faremo il possibile per non saltarne nemmeno un episodio sino all'ultima puntata.

L'Agenda Setting ha aiutato i media a "dilatare" le fasce orarie, trattenendo gli spettatori TV per più tempo ed aumentando il "tempo da vendere" agli inserzionisti paganti.